forum  

progetti e materiali in stock per

cantieri, artigiani, autocostruttori

 

 

 

  

catalogo

progetti e materiali

per costruire la barca

   

  

 

     

  

   

  

 

 

    

 

     

 

  

 

 

       

     

 

    

Il metodo Stitch & Glue

(cuci e incolla)

 

 

Il metodo stitch and glue, letteralmente cuci e incolla, venne applicato per la prima volta in Inghilterra per le applicazioni nautiche alla fine degli anni ‘60 per una piccola barca a vela destinata ai costruttori dilettanti.

Il sistema non richiede particolari abilità, solo una discreta manualità e cautela nell’uso delle resine epossidiche. Gli attrezzi necessari sono quei pochi dell’hobbistica (trapano, seghetto alternativo ecc.). Il tempo di lavorazione è ridotto a poche ore. Il costo globale è inferiore a qualsiasi altro tipo di costruzione.
 

  
Semplicità e velocità di costruzione ne hanno decretato il successo dapprima presso gli autocostruttori, poi anche in piccoli cantieri artigianali. Oggi si costruiscono barche a vela e a motore fino a circa 6.50 mt. Si può realizzare di tutto, dagli aborti ai capolavori.

 

Alla fine si ottiene un guscio monolitico che è superiore, per leggerezza e resistenza strutturale, alle barche in vetroresina o in compensato tradizionale.

 

    

A grandi linee, questo è il metodo costruttivo:         

 

  

Le tavole di compensato, già tagliate secondo lo sviluppo dei piani, vengono unite, o meglio cucite, con del filo di rame o con fascette da elettricista, praticando dei piccoli fori corrispondenti in prossimità dei bordi dei pannelli, distanti tra loro 10-15 cm

 

 

Non sono necessarie molte cuciture per far combaciare le tavole, se queste sono state tagliate bene. Se in qualche punto le tavole sono distanti fra loro (una tolleranza di 10 mm è ancora accettabile), poco importa: la resina applicata successivamente coprirà questi difetti.

 

 

Ovviamente, più si è precisi, meglio è.

 

 

    

 

 

      

 

Lo scafo comincia a prendere forma.
Si stringono man mano tutte le cuciture regolando a poco a poco l'allineamento e la squadratura finché non si troverà la forma ottimale.

 

 

 

 

 

 

A questo punto si passa all’incollaggio degli spigoli con la resina epossidica e si rinforzano con la laminazione di uno - due strati di nastro in fibra, cominciando dall'interno, secondo questo procedimento:

  

 

 

 

Sulla parte esterna dello spigolo si applica del nastro adesivo (va bene quello da imballaggio) per evitare sbavature di resina.
 

 

 

Nella parte interna sarà applicata la resina caricata con microfibre naturali e, se necessario, silice colloidale;  quindi si applicherà  un nastro di fibra e-glass, così da creare un filetto che salderà definitivamente le tavole di compensato.

Le cuciture di metallo sono affogate nella resina

  

 

 

Si procede all’incollaggio delle paratie trasversali, di eventuali correnti e cornici di rinforzo, di panche laterali, gavoni, piano di coperta,ecc., sempre con i filetti di resina e il nastro in fibra. 

 

 

  

 

 

Le paratie e gli altri componenti hanno anche funzione di rinforzo strutturale, creando una struttura monolitica rigida e resistente alle torsioni. 

A seconda dei piani di costruzione, sarà già possibile in questa fase effettuare la laminazione interna dello scafo, procedimento che vedremo più avanti.

 

  

 

 

 

Ora lo scafo è sufficientemente rigido e può essere capovolto per la resinatura esterna.

 

 

 

  

 

 

Si rimuove il nastro adesivo e si tranciano le cuciture

Si resinano gli spigoli esterni, con l’eventuale aggiunta del nastro di  fibra di vetro .

Se necessario, si smussano gli angoli.

 

 

 

 

 

 

 

Si passa ora alle fasi finali, con la laminazione e la finitura.

 

 

 

La barca viene laminata con più strati di resina epossidica e, se è il caso, con fibra di vetro.
L'ultimo strato sarà uno stucco epossidico leggerissimo o con la resina caricata con microsfere minerali o fenoliche.
Allo stesso modo,se non è stato già fatto prima, si farà per la parte interna dello scafo.

  

  

Nelle varie fasi di laminazione dovrà essere fatta una perfetta carteggiatura, fino ad ottenere una superficie liscia, lucida e brillante.

    

  

Infine si vernicia lo scafo con smalti poliuretanici bicomponenti e lo si lucida con paste lucidanti e cere brillantanti.

  

  

  

  

Lo scafo è finito. Se il lavoro è stato fatto bene, avremo ottenuto un prodotto di eccezionale leggerezza e resistenza.

Possiamo ora montare gli accessori di coperta.

   

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La resina epossidica e i tessuti e-glass di rinforzo sul catalogo: 

 

 

 

 

La tua barca completa alla boa, navigante, parziale ( scafo e coperta ) o in kit

 

Non hai possibilità di autocostruire la tua barca per mancanza di spazio o tempo? Vuoi la tua barca finita in cantiere o preferisci un kit di montaggio ? Puoi rivolgerti a un cantiere o artigiano di tua fiducia

  

 

Sei un piccolo cantiere nautico o un artigiano del metallo (acciaio o alluminio)  e vuoi proporti per una costruzione professionale?

manda una e-mail a info@nautikit.com con la tua proposta, questo potrebbe essere il tuo spazio: 

 

Logo

 Cantiere / Artigiano 

indirizzo

 

logo

Cantiere / Artigiano 

 

descrizione

indirizzo

web:

e-mail

telefono:

immagine

 

descrizione

 

 

web:    

e-mail:

telefono:   

 

descrizione 

  

 

     NAUTIKIT su Facebook

 

 

  

 

Home    catalogo    sommario barche    cantieri    costruzioni    chi siamo     forum     normativa  faq   mappa    contatti