Argomenti AttiviArgomenti Attivi  Mostra la lista degli iscrittiLista Iscritti  CalendarioCalendario  Cerca ne ForumCerca  HelpHelp       RegistratiRegistrati  LoginLogin

 

Home     catalogo materiali    piani di costruzione    vecchio Forum    costruzioni      chi siamo       normativa      faq      mappa

 

Cruisers
 Nautikit Forum :Barche :Cruisers
Message Icon Topic: curva di stabilità Rispondi Invia un nuovo messaggio
Author Message
sergioboat
Newbie
Newbie


Iscritto: 11 Ott 2006
Online Status: Offline
Messaggi: 27
Quota sergioboat Replybullet Topic: curva di stabilità
    Posted: 23 Dic 2006 alle 11:23
Scusate , qualcuno mi sa spiegare il grafico di stabilità che vedo nei dettagli dei progetti che trovo su nautikit?
Per esempio, cosa significa questo grafico?

IP IP Logged
MAX RE
Senior Member
Senior Member
Avatar

Iscritto: 13 Set 2006
Online Status: Offline
Messaggi: 112
Quota MAX RE Replybullet Posted: 23 Dic 2006 alle 18:31
Ciao Sergio, Buon Natale!!
Io non sono un esperto e tanto meno so spiegarmi, ma ci provo ugualmente........
KGM: è l'unità di misura della coppia (forza esercitata in un metro di leva)
DEGREES: è l'angolo di sbandamento sull'asse longitudinale
ARM: non lo so neppure io!!!!
 
A grandi linee il grafico serve a sapere quanto con forza la barca tenda a raddrizzarsi in base allo sbandamento, tieni presente che in base al grafico, come sopra, la forza di raddrizzamento è positiva fino a 150 gradi di sbandamento, dopo di che si trasforma in forza negativa ed invece di raddrizzarti, ti farà rovesciare!!  Evil%20Smile
La coppia raddrizzante è determinata dalla stabilità di forma dello scafo e dalla stabilità di peso, dalla zavorra.
Il tutto assieme al dislocamento, e quì potrei sbaliare Big%20smile, penso possano aiutare a capire le prestazioni di una imbarcazione!!
 
IP IP Logged
Giuliano
Newbie
Newbie
Avatar

Iscritto: 29 Set 2006
zona (provincia): Cremona
Online Status: Offline
Messaggi: 5
Quota Giuliano Replybullet Posted: 24 Dic 2006 alle 11:55

Ciao, approfitto per salutare tutti ed in special modo MAX RE . A proposito come va la barca? Quando inizierai il completamento del fasciame ti vorrei venire ancora a trovare per vedere il lavoro ed è il caso di dire "sul campo".Provo a dire la mia sull'argomento sollevato da sergioboat  integrando quanto detto da MAX RE.La curva in oggetto  è la risultante delle stabilità statiche, di forma e di peso.La prima è caratteristica delle barche a deriva  dei catamarani e dei motoscafi, la seconda delle barche zavorrate.Tale distinzione però non ha senso dal punto di vista pratico e teorico in quanto la stabilità e funzione sia del peso che della forma dello scafo.Tuttavia   è da precisare che la resistenza massima della forma dello scafo allo sbandamento (Degees) viene raggiunta a 45° dopodichè tale resistenza si riduce in modo vistoso fino  a 90° quando inizia  la parte della curva detta di "Stabilità negativa "dove ogni ulteriore sollecitazione sbandante  porta la barca al rovesciamento.Per le barche zavorrate invece la resistenza allo sbandamento aumenta fino ad un angolo di 90° per poi diminuire gradatamente   a valore zero  con un angolo di 180° senza creare stabilità negativa cioè con tendenza al ritorno alla  posizione iniziale.La curva  in oggetto quindi come detto prima è la risultante delle due forze  che agiscono sullo scafo e, quindi, tale barca, ha la resistenza massima allo sbandamento a circa 45°, per poi diminuire gradatamente fino a poco più di 120°, dopodichè tende  al ribaltamento vista la stabilità negativa con valore massimo di coppia a 150° per poi arrivare allo zero a 180° con carena che guarda la Luna.Tali valori (momento della coppia raddrizznte)sono riportati sull'ordinata di sinistra espressi in kgm (chilogrammetri).Per quanto riguarda l'ordinata di destra dovrebbe essere  il braccio della forza radrizzante che, motiplicato per il disloccamento e per la forza di gravità da il momento radrizzante. Spero di essere stato chiaro in quanto anche io non sono certo un maestro in materia . Un saluto di buon Natale ed anno nuovo a tutti. Giuliano 

IP IP Logged
crispilo
Moderator Group
Moderator Group
Avatar

Iscritto: 12 Set 2006
Online Status: Offline
Messaggi: 1500
Quota crispilo Replybullet Posted: 26 Dic 2006 alle 11:54
allora, il tema è piuttosto vasto; per darti giusto le indicazioni base; la colonna in ordinate a sinistra (kgm) indica il Momento di Raddrizzamento espresso, appunto, in kilogrammi*metro, kgm; la colonna a destra in ordinate indica il Braccio di Raddrizzamento, espresso in metri; la relazione che li lega è: Momento=Braccio x Dislocamento barca ; in ascissa , in basso, "Degrees" sono i gradi di sbandamento della barca per i quali braccio e momento sono calcolati; come ha scritto qualcuno prima, il momento , che d'ora in poi chiamerò RM, cresce da 0 sino al valore massimo che si ha intorno ai 50° di sbandamento; in questo campo inizialmente la parte del leone la fa la forma dello scafo (stabilità di forma), e poi prende importanza la zavorra in chiglia (stabilità di peso) e più in generale la posizione del baricentro; la pendenza del tratto iniziale della curva (diciamo da 0 a 20°) è una buona indicazione di quanto la barca è "dura" da sbandare inizialmente; più la curva è ripida meno la barca sbanda per piccole raffiche, piccoli spostamenti di peso sottovento o simili; il valore attorno ai 120° nella quale la curva del momento riincontra l'asse "degrees" si chiama vanishing stability angle (VSA), e rappresenta l'angolo al quale scompare la sabilità, ovvero la barca è in equilibrio instabile, una piccola spinta in un senso produce il ribaltamento, una piccola spinta nel senso opposto la raddrizza; vale la pena far notare che questo angolo in questo caso è ben oltre i 90° ovvero la barca sdraiata con l'albero sull'acqua; questa situazione infatti si ha per degrees=90° ed è caratterizata da un residuo di spinta positiva ancora buono (circa 200 kgm o 0.15m); in soldoni vuol dire che se una raffica violenta sdraia la barca sull'acqua essa si autoraddrizza; queste curve si ottengono con calcoli a mano o via software sulla base delle linee di carena della barca e della collocazione dei pesi a bordo nelle varie condizioni di navigazione; sono ottenute in acqua calme, si definiscono infatti "curve di stabilità statica", e sono più una indicazione di confronto tra differenti progetti che una sorta di vangelo da assumere in maniera acritica. Purtroppo sono pochi i progettisti che mettono a disposizione le curve dei loro progetti e ancor meno quelli ch specificano le condizioni esatte nelle quali questa sono calcolate, ma quest'ultimo punto è roba ad addetti ai lavori.
Se vi interessa in rete ci sono alcuni link interessanti per approfondire il tema.

ciao a tuti
Crispilo
IP IP Logged
MAX RE
Senior Member
Senior Member
Avatar

Iscritto: 13 Set 2006
Online Status: Offline
Messaggi: 112
Quota MAX RE Replybullet Posted: 27 Dic 2006 alle 11:00
Ciao Giuliano, auguro anche a te, come a tutti qui nel forum un buon Natale e soprattutto un buon anno nuovo.
A dirti la verità io e la mia "barchetta" in questo momento siamo un pò in stasi!!!!! Cazz. fa un freddo da ufo, e nelle giornate relativamente calde non si superano i 10 gradi, in questo momento siamo a -2.
A che bello sarebbe essere un po più a sud, dove anche di inverno il meteo è + clemente!
Ma appena tornerà il tepore, mi sono ripromesso di prendermi le ferie necessarie a dare una svolta (in tutti i sensi, anche a girare!) lo scafo!
E tu, hai preso una qualche decisione?
IP IP Logged
Rispondi Invia un nuovo messaggio
Versione Stampabile Versione Stampabile

Tu non puoi inviare nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi cancellare i tuoi messaggi
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
Tu non puoi creare sondaggi
Tu non puoi votare i sondaggi

Bulletin Board Software by Web Wiz Forums version 8.03
Copyright ©2001-2006 Web Wiz Guide