<--- Mostra la lista dei messaggi Rispondi versione stampabile

Sezione: Argie 15
Titolo: ciclo di verniciatura
Messaggio inviato il: 22/04/04 08:24
Autore: Giovanni
Totale risposte: 3
Messaggi:
salve a tutti. prima di chiudere la scassa della deriva volevo verniciare l'interno, cosa che non potrei fare successivamente. Volevo sapere che tipo di vernice utilizzare e quante mani dare. Stessa cosa vale per la carena dello scafo che seguirà appena girerò il mio argie 15.
Grazie
Giovanni

Risposte:
22/04/04 11:05  - Pinus

caro Giovanni
i cicli di trattamento del compensato marino su tutte le superfici sono , a mio avviso , i seguenti:
1-epossidica
carteggiatura 80 ca.
2-stuoia con epossidica( facoltativo)
carteggiatura 100 ca.
3-prima rasatura con epossidica e microsfere
carteggiatura 120 ca.
4-seconda rasatura con epossidica e microsfere
carteggiatura 180 ca.
5-prima mano di fondo epossidico
carteggiatura 240 ca.
6-seconda mano di fondo epossidico
carteggiatura 360 ca.
7-prima mano di vernice poliuretanica bicomponente
carteggiatura 800/1000 ca.
8-seconda mano vernice poliuretanica bicomponente
lucidatura, se necessaria, con pasta abrasiva finissima (polish)

Questo trattamento deve essere dato su tutte le superfici ( carena , interno , cassa di deriva ) perche' tutte sono sottoposte a forte abrasione e usura .
Per gli interni delle panche si puo' elimina re i punti 3-4-6-8 e ridurre la qualita' della carteggiatura .

Per i legni a vista :
1-resina epossidica
carteggiatura 360 ca.
2-poliuretanica bicomponente trasparente
carteggiatura 800 ca.
3-poliuretanica bicomponente trasparente
carteggiatura 1000
4-idem
5-idem
6-idem

La poliuretanica bicomponente deve essere quella additivata con filtro anti raggi ultravioletti perche' la resina epossidica è sensibile ai raggi solari e cinque mani di protezione sono il minimo da fare ( su alcune barche si arriva anche a 7/10 mani).
A presto
Pinus


23/04/04 18:24  - Timo

Ciao,
Ho sentito dire che la parte immersa dello scafo non deve essere particolarmente liscia perchè altrimenti creerebbe problemi agli strati laminari di fluido più vicini alla carena; in effetti sulle istruzioni delle resine SP consiaglia di usare resina e microsfere di vetro come base prima di verniciare.
Vi tornano queste informazioni?

Ciao e buon vento
Timo


26/04/04 16:16  - Pinus

A mio avviso le barche che stiamo costruendo non sono delle "formula uno " del mare , e anche se lo fossero basti pensare che le barche della coppa america sono lisce come il vetro .
Secondo i miei studi o la superfice è perfettamente liscia o è rugosa in maniera altamente tecnologica ( pelle dello squalo ) e non con soluzioni maccheroniche.
Una superfice liscia rende piu' difficile l'aggressione dei microrganismmi rendendone piu facile la rimozione manuale con una semplice spugna.
Le microsfere servono a trasformare la resina liquida in in composto adatto alle rasature ed alle applicazioni in verticale senza la possibilita' di colature, con il vantaggio di un volume maggiore con il minor peso possibile con l'ulteriore vantaggio dell'igroscopicita'.
A presto
Pinus



<--- Mostra la lista dei messaggi
Comment Board developed by yMonda Limited.