<--- Mostra la lista dei messaggi Rispondi versione stampabile

Sezione: Argie 15
Titolo: albero in legno
Messaggio inviato il: 24/10/03 00:58
Autore: Stefano
Totale risposte: 7
Messaggi:
Salve a tutti,
Visto che purtroppo fino a lunedi prossimo, non mi consegnano il compensato da 6 mm per la costruzione dello scafo, oggi ho iniziato la costruzione dell'albero in legno per l'Argie 15.

Per la verità, ho fatto solo le prime palelle, senza ancora incollarle, in quanto sono riuscito a trovare i listelli di pino, con la venatura giusta e senza nodi, solo nella lunghezza di 2 metri.

Come già detto, il mio albero sarà costruito con legno di pino in unico pezzo, avrà una sezione ovale di circa 80 x 60 mm, sarà cavo all'interno, quindi costruito in due metà, compresa la canaletta, con diametro da 12 mm per l'infieritura della vela e prima di chiudere i due semigusci, rivestirò l'interno con tessuto di vetro da 160 gr/mq applicando il vuoto.

Se tutto andrà come previsto, appena possibile, manderò un pò di foto.

Saluti, stefano guazzaroni - an

Risposte:
24/10/03 17:12  - Giancarlo

La scelta mi sembra buona e corretta , bravo. Se costruisci anche il boma aumenta un po la sezione del profilo tipo. Visto che ci sei perche non rastremi gli ultimi 60 cm dell'albero? Oltre a chiederti le fotografie vorrei anche sapere se userai le crocette.


24/10/03 22:41  - Stefano

Salve a tutti,

Volevo approfittare per ringraziare Giancarlo e chiedergli alcune precisazioni.

E' chiaro che è mia intenzione costruire anche il boma con lo stesso sistema dell'albero, solo che lo farò dopo....in quanto se il lavoro dell'albero sarà soddisfacente, costruire il boma sarà una passeggiata, ma non ho capito una cosa, cosa intendi quando dici di aumentare un pò la sezione del profilo tipo???

Per quanto riguarda la rastrematura, penso che proverò a fare come dici tu, solo vorrei sapere quanto dovrei rastremare...o meglio che sezione ci dovrebbe essere in cima all'albero????

Ti volevo anche comunicare che su questo albero, metterò le crocette, rivolte un pò all'indietro, in modo che tensionando le sartie, si abbia un certo effetto paterazzo, solo vorrei sapere a che altezza vanno messe e quanto dovranno essere lunghe.

Sempre parlando di crocette, se qualcuno non ha una soluzione migliore, avrei intenzione di mettere il collare da avvitare sull'albero che viene prodotto dalla Viadana ( art. 53.31) che però è sprovvisto delle crocette vere e proprie (...stecche), quindi mi interesserebbe sapere anche con che tipo di materiale andrebbero costruite.

Per quanto riguarda le foto stai tranquillo che le maderò di sicuro, solo che il lavoro sarà lungo e verrà eseguito SENZA FRETTA insieme alla costruzione dello scafo, quindi devi avere pazienza.

Saluti,
stefano guazzaroni - an


26/10/03 17:43  - Giancarlo

Per il dimensionamento di albero e boma ho controllato quelli che ho io in alluminio del 420 e dalla esperienza di come lavorano per cui il boma sara un profilo da 90 X 70 sempre con canaletta e tesa base finale. Infati il boma subisce un discreto carico di lavoro e la resistenza dei profili è proporzionale alla loro alteafozza per cui da 8 a 9 si passa da una resistenza di 64 ad 81 e quindi superiore del 25 %. L'albero deve essere flessibile mentre il boma deve essere rigido. Per rastremare la parte alta io arriverei in fondo con un cerchi di 4, 5 cm rastremando gli ultimo 80 cm. Ovviamente devi rastremare sola la parte verso lo strallo senza canaletta disponendo direttamente le tavole esterne gia inclinate. Per le crocette possao darti le misure del mio albero anche se ha lo strallo del fiocco un po piu corto. In ogni caso l'arrivo delle sarie in alto coincide con l'arrivo dello strallo del fiocco.Le crocette vanno inclinate in modo che la sartia sia allineata perfettamente per cui devono essere estensibili ed ad angolo variabile. Puoi comprarle in alluminio o costrirle con un piccolo profilo .Se vuoi ti manto un piccolo disegno di come si possono costruire.mentre le misure dipendono dal punto di attacco delle sartie allo scafo. Per far uscire le drizze dall'albero usa delle carrucole posizionate a diverse altezze ed in posizione comoda e per strozzare le drizze puoi usare delle piccole gallocce in legno che ti costruisci o degli strozzatori in alluminio.

Buonvento Giancarlo


26/10/03 18:22  - Stefano

Grazie Giancarlo per le risposte e per i consigli che ci stai dando, certamente saranno molto utili e preziosi, (...mi auguro anche ad altri) durante le varie fasi della costruzione.

Se vuoi mandarmi un piccolo disegnino sarbbe proprio il massimo, me lo puoi mandare per fax al n. 071-7591157

Grazie infinite!!!
stefano guazzaroni - an


27/10/03 11:30  - Pinus

Caro stefano dalla descrizione del tuo albero deduco che la tua barca sara' attrezzata ad armo marconi e non aurico . Mi puoi dire come pensi di trasportarlo considerando la sua lughezza di ben sei metri ? La mia è solo una curiosita' e non vuole essere una provocazione . a presto pinus


27/10/03 22:21  - Stefano

Caro Pinus,
hai dedotto bene, l'armo che andrò a costruire sul mio Argie 15, sarà un armo Marconi, anche se in un primo momento, avevo optato per quello Aurico, ma poi guardando e riguardando i disegni, o deciso per la prima versione, perchè non me la sono sentita di stravolgere il progetto originale, in quanto avrei dovuto riprogettare l'intero piano velico, come hai dovuto fare anche tu....e sinceramente, io non sono in grado di fare una cosa simile. (...spero solo di non dovermi pentire di questa soluzione)

Comunque ormai è fatta, ho gia inziato la costruzione dell'albero che andrò a realizzare con le tecniche già descritte nel messaggio precedente.

Per il trasporto, pensavo di sistemarlo sopra la barca, appoggiando la base dell'albero allo specchio di poppa, su un apposito sostegno, messo stabilmente sopra la panca e farlo avanzare a prua, oppure farlo avanzare 65 cm a prua e 65 cm a poppa, allungando la parte scorrevole del carrello, tanto per la lunghezza totale (auto + carrello) non ci sono problemi....o sbaglio????

Del resto l'albero è lungo "solamente" un metro e trenta più della barca.

C'è poi un'altra cosa che gioca a mio favore, io abito a cinque o sei chilometri dal mare in cui dovrei "veleggiare", per cui la strada da percorrere per armare e mettere in acqua la barca, è veramente poca.

Saluti,
stefano guazzaroni - an


28/10/03 18:59  - Giancarlo

Il fax che ti ho inviato contiene un errore non esistono le sartie basse ma solo le sarite principali che pssano per le crocette



<--- Mostra la lista dei messaggi
Comment Board developed by yMonda Limited.