forum  

progetti e materiali in stock per

cantieri, artigiani, autocostruttori

 

 

 

  

catalogo

progetti e materiali

per costruire la barca

   

  

 

     

 

 

 

  

   

  

 

     

 

 

       

     

 

 

 

HIRUNDO 750 

Cruiser Sportivo Carrellabile 

 

Condividi su Facebook  

  

 

 

 

Scafo Radius Chine 

in multistrato marino 

e resina epossidica

     

 

 

E' adatto alle capacità di 

un costruttore dilettante o 

a una rapida ed economica 

realizzazione professionale

 

 

 

  

Hirundo 750 è pensato per essere un cruiser dall'impostazione sportiva che possa essere carrellabile, non tanto nell'ottica di andar a spasso con 1500 kg di barca ogni w-end, ma quanto per limitare i costi d'ormeggio in acqua ai periodi di effettivo utilizzo per rimessare la barca all'asciutto in maniera più economica quando non la si usa.  

 

 

    

  

    

 

 

 La carena è caratterizzata da buoni volumi a prua e sulle sezioni mediane che evolvono in una poppa piuttosto piatta che è stata scelta per due fondamentali motivi: garantire buone prestazioni alle andature portanti, e sopratutto sopportare con la barca perfettamente in assetto i pesi in pozzetto e a poppa, che su una unità di questo tipo sono piuttosto rilevanti tra equipaggio , motore FB e dotazioni di sicurezza.

   

 

 

  

 

  

 

 

 

La tuga è probabilmente la vera innovazione del progetto: le tughe a semplice spigolo , singolo o doppio, garantiscono semplicità costruttiva e ottimi volumi interni, ma sono piuttosto brutte e ormai banali da vedere; in questo caso si è optato per una tuga sempre costruibile in pannelli con il sistema cuci & incolla ma che abbia un design decisamente più accattivante, nella personale convinzione (che perseguo a partire da idea 19) che dal momento che costruirsi una barca non è uno scherzo, il costruttore deve avere il diritto di costruirsi un bell'oggetto che possa appagare l'occhio una volta finito, oltre che navigare bene.

 

   

La chiglia è sostanzialmente un'ala con profilo NACA non rastremata da costruire in acciaio con un bulbo in piombo idrodinamicamente profilato da 360 kg all'estremità, il peso totale (chiglia e bulbo) è sui 430 kg; è rilevabile a baionetta, ovvero scorre dentro una scassa che è ermeticamente chiusa in navigazione; il sollevamento avviene con un paranco 1:4 servito da un winch meccanico manuale (quelli presenti sui carrelli d'alaggio, per capirci) montato sul puntone di contrasto dell'albero; il telaio che regge la chiglia nel sollevamento è dato dal puntone dell'albero stesso, da un travetto orizzontale in acciaio fissato al cielo della tuga e da un secondo puntone smontabile, per cui tutto il sistema non interferisce con gli interni.

  

 

Per il rig e il piano velico nei piani sono presenti due opzioni: una definita "cruise" con circa 30 m2 di superficie velica in bolina (randa e fiocco olimpico), la seconda più sportiva con 6m2 in più e una randa steccata piuttosto allunata (il paterazzo ha una stecca di allontanamento in testa albero per permettere l'allunamento), in entrambii casi il fiocco è murato piuttosto interno sulla tuga su un punto fisso ; per le andatura portanti la versione cruise prevede un gennaker amrato direttamente su un golfare a prua, mentre per la versione regata si opta per un bompresso di dimensioni gestibili, tanto da poter essere lasciato sempre estratto in navigazione e ritratto solo per gli ormeggi in porto; l'albero è ad un ordine di crocette, poggiato in coperta con crocette aquartierate di 20 ° e il paterazzo che serve sopratutto a non "caricare" troppo le sartie. Le manovre sono semplificate in maniera da raggruppare tutti i comandi su due winches self tailing sulla tuga con le rispettive batterie di stopper a controllare drizze, borose e scotte fiocco; il paranco randa può essere armato su un golfare fisso in pozzetto o su un corto carrello sul paiolato del pozzetto (un compromesso poco amato dai regatanti puri ma che conserva una buona abitabilità in pozzetto).

Ecco il confronto tra il rig da regata e quello da crociera: 

  

 

Il pozzetto è piuttosto ampio, più che comodo per tre adulti e ancora vivibilissimo per 4, ben protetto dai paramare. La parte poppiera delle panche può ospitare capienti gavoni e sui piani è già previsto un box sullo specchiodi poppa per ospitare una zattera da 6 posti, che di solito in unità così piccole viene relegata in gavoni scomodissimi, pressochè inutilizzabile in una reale emergenza. Il timone è semicomensato appeso allo specchio di poppa, ovviamente con controllo a barra, è previsto sui piani anche un timone con pala sollevabile per chi carrellasse la barca di frequente e non volesse ogni volta smontare il timone. 

 

 

 

 

 

 

 

Come motorizzazione è previsto un motore FB da 2.3 – 6 HP appeso a poppa su un supporto basculante, ci sono gli spazi internamente per un entrobordo da 10 HP ma la carrellabilità con il saildrive andrebbe ovviamente a ramengo.

 

  

 

 

Gli interni (altezza massima 172 cm) sono articolati in un ambiente unico con bagno separato con WC marino (scendendo, subito a sinistra del tambuccio), una classica cuccetta a V a prua, un tavolino da carteggio a murata sx (può essere trasformato in cucinotto) un divano in dinette e una cuccetta doppia a poppa, non è stato volutamente installato un tavolino in dinette perchè su barche così piccole lo trovo personalmente scomodo, volendo si può installare sfruttando la cassa deriva come piede tavolo; le finestrature in plexiglass, la chiusura orizzontale del tambuccio sempre in plexi e i due oblò apribili garantiscono un ottima disponibilità di luce all'interno, la nota dolente purtroppo è l'invasività della cassa deriva, una soluzione abbastanza inevitabile per una barca carrellabile.

 

Caratteristiche 

 

Lunghezza fuori tutto (bompresso retratto)

7,99 m

 

altezza albero dal galleggiamento "rig regata"

11,58 m

lunghezza solo scafo

7,50 m

 

sup. velica bolina "rig regata"

 36 m2

Lunghezza al galleggiamento

7,21 m

 

 

 

Larghezza

2,50 m

 

altezza albero dal galleggiamento "rig crociera"

10,60 m

pescaggio chiglia abbassata

1,78 m

 

sup. velica bolina "rig crociera": 29.7 m2

29.7 m2

pescaggio chiglia alzata: 0,52 m

0,52 m

 

gennaker crociera/regata

30/36 m2

dislocamento di progetto:

1800 kg

  

 

 

peso a secco (barca attrezzata):

1400 kg

  

altezza in cabina 

dislocamento massimo

 2100 kg

 

cuccette

 

zavorra:

430 kg

  

motorizzazione

 

(solo bulbo)

360 kg

  

omologazione possibile

 Cat. B5-C7

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La tua barca completa alla boa, navigante, parziale ( scafo e coperta ) o in kit

 

Non hai possibilità di autocostruire la tua barca per mancanza di spazio o tempo? Vuoi la tua barca finita in cantiere o preferisci un kit di montaggio ? Puoi rivolgerti a un cantiere o artigiano di tua fiducia

  

 

Sei un piccolo cantiere nautico o un artigiano del legno  e vuoi proporti per una costruzione professionale?

manda una e-mail a info@nautikit.com con la tua proposta, questo potrebbe essere il tuo spazio: 

 

Logo

 Cantiere / Artigiano 

indirizzo

 

logo

Cantiere / Artigiano 

 

descrizione

indirizzo

web:

e-mail

telefono:

immagine

 

descrizione

 

 

web:    

e-mail:

telefono:   

 

descrizione 

  

 

     NAUTIKIT su Facebook

 

 

  

 

Home    catalogo    sommario barche    cantieri    costruzioni    chi siamo     forum     normativa  faq   mappa    contatti